Il primo quarto dell’anno se n’è andato e registriamo un clima generale che forse non ci saremmo aspettati. Siamo, virus o non virus, costantemente sul mercato e registriamo una gran voglia di ripresa. Dopo un 2020 impaurito, giocato quasi tutto in difesa, con uno sguardo attento al P&L e agli investimenti, i primi mesi del 2021 ci sembrano mesi di voglia di rivincita.

Un po’ la pandemia ha dato molti scrolloni al settore della logistica in generale e alla intralogistica in particolare. Dunque tantissimi player, dopo aver tenuto botta alla crescita esponenziale dell’e-commerce, degli approvvigionamenti sempre più sincopati e delle scadenze ravvicinate, stanno prendendo in seria considerazione ammodernamenti tecnologici, incrementi produttivi, efficientamenti industriali.

Registriamo una voglia di proattività da parte dei system integrator e della loro clientela finale nel proporre ad un consumo, che con la pandemia ha mutato la propria essenza, nuove soluzioni tecnologiche che migliorino la produttività, l’efficienza e la qualità, migliorando la loro reddittività anche attraverso maggiori risparmi energetici, di costi e tempi di manutenzione, di spazio.
Investimenti per migliorare, insomma.

Settori come l’e-commerce in generale, del food in particolare, l’e-commerce nel fashion ma anche il mondo dell’automazione e della logistica a corredo della robotica sono davvero in fermento per strutturarsi in modo tecnologicamente più avanzato.

Interroll Italia offre un grande contributo a questo processo di sviluppo tecnologico della movimentazione e viene coinvolta in moltissimi progetti dagli integratori di sistema. Ai propri clienti Interroll Italia propone non soltanto soluzioni customizzate, componentistica di alta qualità, tecnologia 4.0 ma anche continue innovazioni tecnologiche. Le nostre menti nell’R&D sono costantemente impegnate a immaginare e ingegnerizzare il futuro della movimentazione.

Ad esempio con le nuove Interroll Belt Curve 1200. Le curve a nastro sono tra i moduli di trasporto tecnicamente più impegnativi nei sistemi di flusso dei materiali nei centri di smistamento di corrieri, corrieri espressi e spedizioni di pacchi che, per l’esplosione dell’e-commerce, devono far fronte a un volume di merci in crescita verticale nei centri di distribuzione in tutto il mondo.

Le curve a nastro Interroll si basano su un design senza attrito a manutenzione estremamente ridotta, che elimina la necessità di un regolare tensionamento della cinghia e previene tecnicamente lo slittamento del nastro che può portare al guasto della curva. La nuova Interroll Belt Curve 1200, oltre a basarsi su questo principio di progettazione di base, integra i rulli di rinvio cilindrici, riducendo notevolmente la distanza tra il collegamento e il trasportatore successivo.
Il vantaggio: con la nuova curva a nastro, ora è possibile trasportare oggetti anche molto piccoli in modo rapido e sicuro.

Sempre nel mondo della distribuzione, ma con un occhio più interessato al mondo del fashion, del postale e del CEP, ecco il nuovo Interroll Split Tray Sorter. Una nuova ingegnosissima tecnologia perfetta per il trasporto e lo smistamento automatico di oggetti più piccoli e sottili, quali polybags, buste, piccoli pacchi e pacchetti dalle dimensioni ridotte e dal peso da 0,02 kg a 12kg ma ad una velocità di produzione da 0,5 a 1,5 m/s.

Un anno ancora senza fiere e con distanziamenti, ma Interroll Italia non vuole smettere di stupire con le sue innovazioni e le sue tecnologie. Siamo sempre più concentrati nel soddisfare ogni esigenza di motion della nostra clientela. Oltre alle novità tecnologiche alle quali ho accennato, in questa nostra newsletter troverete altre novità, interessanti case histories e anche novità organizzative.

Il nostro intento è “muovere” per il vostro successo.

Buona lettura!!

Claudio Carnino
Managing director Interroll Italia

 

In testa e in fondo ad ogni articolo troverete un modulo che vi consentirà di contattarci, commentare, chiedere informazioni o approfondimenti.

Fin d’ora garantiamo che reagiremo prontamente alle vostre sollecitazioni e ci auguriamo che siano numerose le domande che ci porrete. Speriamo che il nostro racconto sia interessante.

Buona lettura

Claudio Carnino
Managing Director Interroll Italia